. LE SEDI CNA NEL TERRITORIO DEL VENETO SONO PRESIDIO DI LEGALITA’

Adesione di CNA Veneto all’incontro antiusura e antiracket col sottosegretario all’interno Luigi Gaetti

“La legalità è uno dei presupposti del lavoro di rappresentanza del mondo dell’artigianato e della piccola impresa che CNA Veneto svolge. E’, infatti, sul binario della cultura della legalità che viaggiano tutte le iniziative di CNA che coinvolgono le imprese, dalla tutela sindacale alla formazione degli imprenditori, dalla contabilità all’innovazione nella produzione e nel business. La presenza nel territorio di nostre sedi è, quindi culturale, per presidio di legalità, e allarme in relazione con le forze dell’ordine e delle autorità inquirenti per contrastare il fenomeno. Per questo motivo abbiamo accolto di buon grado l’invito al confronto col sottosegretario Gaetti”.

 

E’ quanto ha dichiarato il Vicesegretario di CNA Veneto, Matteo Ribon, al termine dell’incontro svoltosi oggi (mercoledì 6 marzo) in Prefettura di Venezia col sottosegretario all’interno, Luigi Gaetti, il Commissario antiracket Anna Paola Porzio, la rappresentante del MEF Lavinia Monti ed il Prefetto lagunare Vittorio Zappalorto, aggiungendo che “Serve inoltre una revisione normativa per essere più incisivi nelle modalità di contrasto”.

 

Sempre in tema di legalità, CNA Veneto sarà tra i protagonisti domani (giovedì 7 marzo) dell’incontro col presidente di Libera, Don Luigi Ciotti, sul tema delle mafie nell’economia del veneto e dell’impegno del lavoro per la cultura della legalità.

L’iniziativa, che si svolgerà al Centro culturale Candiani di Mestre alle 15.30, è del Consiglio regionale Unipol, con la partecipazione di CNA, Confesercenti, CIA, Legacoop, Libera, Arci,  Cgil, Cisl e Uil.